Cornelia, matrona romana e madre dei Gracchi

Nell’immaginario popolare Cornelia, matrona romana, è sempre stata considerata una mamma eccezionale ed esemplare. Era la madre dei Gracchi, due giovani diventati "tribuni della plebe" (se fossero vissuti ai giorni nostri, sarebbero forse stati dei sindacalisti, o comunque difensori dei più deboli).

Cornelia nasce a Roma nel secondo secolo prima di Cristo. È la più giovane delle due figlie di Scipione l’Africano, il condottiero che ha sconfitto definitivamente Annibale. Si sposa giovanissima con il console Sempronio Gracco, mette al mondo 12 figli, dei quali solo tre giungono all’età adulta: i due tribuni della plebe Tiberio e Caio e una figlia, Sempronia, piccola e zoppa, a causa forse di una paralisi infantile.

Quando Cornelia rimane vedova, molti pretendenti la chiedono in sposa. È ricca, bella, molto colta, ma lei dice di no a tutti. Preferisce dedicarsi completamente all’educazione dei figli, che fa istruire dai migliori maestri greci.

Quando si nomina Cornelia, la madre dei Gracchi, torna subito alla mente il noto aneddoto dei “gioielli”. Si racconta che un giorno Cornelia ricevette la visita di una ricca matrona romana, che ostentava e decantava i gioielli che indossava; Cornelia la lasciò parlare, poi chiamò i suoi figli e, rivolgendosi alla matrona, disse con orgoglio: «Questi sono i miei gioelli».

Cornelia fu anche una donna colta, cosa rara al tempo, e dopo la morte violenta dei figli si ritirò in una villa sul golfo di Napoli, animando un circolo culturale.

Cornelia was a Roman matron and mother of the Gracchi. 

In the popular imaginary, she is remembered as a prototypical example of a virtous Roman woman, exceptional and exemplary mother. She was the mother of the Gracchi, two young people who became "tribunes of the Rabble" (if they had lived in our days, they would perhaps have been trade unionists, or defenders of the weakest).

Cornelia was born in Rome in the second century before Christ. She was the youngest of the two daughters of Scipio Africanus, the leader who definitively defeated Hannibal. He married very young Tiberius Gracchus the Elder and together they had 12 children, very unusual by Roman standards. Only three survived childhood : the two tribunes of the plebeian Tiberius and Caio and a daughter, Sempronia, small and lame, maybe becauseof a child paralysis.

Cornelia chose to remain a widow while still enjoying a princess-like status .She even refused the mariage proposal of the King Ptolemy VIII . Rich, beautiful, very educated, she prefered to set herself to educating of her children,

When you name Cornelia, the mother of the Gracchi, it immediately returns to mind the famous anecdote of the "jewels". It is said that one day Cornelia received the visit of a wealthy Roman matron, who flaunted and decanted the jewels she wore; Cornelia let her speak, then she called her children and, turning to the matron, said proudly: «These are my jewelry». After the violent death of her children she retired to a villa on the Gulf of Naples, animating a cultural circle.